Com’è strutturato il percorso formativo triennale?

L’obiettivo del primo anno è fornire la capacità all’allievo di tradurre nei termini della Medicina Tradizionale Cinese (e viceversa) la fisiologia e la fisiopatologia del corpo umano, iniziare lo studio dei meridiani, dei punti di agopuntura (localizzazione, anatomia, metodi di stimolazione, azione terapeutica, aspetti neurofisiologici, ecc.) e della combinazione dei principali punti di agopuntura. Allo scopo di fornire all’allievo le nozioni necessarie a reperire e stimolare correttamente il punto di Agopuntura, al termine di ogni lezione, saranno effettuate esercitazioni pratiche sulle manovre di localizzazione e di stimolazione degli agopunti trattati.
L’obiettivo del secondo anno è quello di trasmettere all’allievo la capacità di giungere, attraverso un processo diagnostico corretto, alla definizione del quadro sindromico e di  acquisire un metodo per interpretare la corrispondenza dei quadri clinici della Medicina Tradizionale Cinese con  quelli della Medicina Occidentale. Si inizierà, dunque, lo studio delle cliniche in cui ogni patologia verrà affrontata sia dal punto di vista della Medicina Occidentale che dal punto di vista dell’Agopuntura e della Medicina Tradizionale Cinese, evidenziando le possibili integrazioni e strategie terapeutiche. Sanno illustrate le metodiche complementari all’Agopuntura. Inoltre, verranno fornite le nozioni necessarie all’attuazione dei protocolli di ricerca in Agopuntura.
L’obiettivo del 3° anno è l’acquisizione della capacità dell’allievo di saper curare tutte le patologie passibili di trattamento. Particolare attenzione sarà prestata a rafforzare le sue capacità relative all’iter diagnostico-terapeutico e all’effettuazione pratica del trattamento di Agopuntura.